Il lupo e i sette capretti, Roberto Piumini e Nicoletta Costa

Il lupo e i sette capretti
Condividi:

Grazie alla superba narrazione di Roberto Piumini e alle illustrazioni di Nicoletta Costa, l’arcinota fiaba classica Il lupo e i sette capretti acquista, in questa edizione, un nuovo valore e un senso del tutto unico.

Come sottolineato a più riprese, il fiorire di storie illustrate per bambini dai toni modernissimi non ha affatto mandato in soffitta l’universo semantico e iconografico legato alla fiaba classica, ma ha portato, al contrario, le grandi firme della letteratura per l’infanzia a misurarsi con una rilettura di un mondo che continua ad affascinare grandi e piccini.

Il lupo e i sette capretti rappresenta, in quest’ottica un meraviglioso esperimento, perfettamente riuscito, che vede uno dei migliori narratori e la “regina della primissima infanzia” (per la monografia, clicca qui), intenti a trasporre l’antica fiaba dei fratelli Grimm su un terreno visivo e letterario del tutto nuovo.

il lupo e i sette capretti fiaba

Senza stravolgere il senso e la struttura della fiaba originale, Roberto Piumini e Nicoletta Costa danno vita ad un libricino scandito da una sezione narrativa decisamente fluida e da un universo grafico in grado di trasformare in icone i personaggi della fiaba.

Coniugando le abilità narrative di Piumini con il genio grafico della Costa, si ha quasi l’idea di leggere una storia sospesa tra passato e presente, in cui le reminiscenze di una narrazione antica si intersecano ad una veste modernissima, producendo un effetto davvero unico.

Smettendo per un attimo di tessere le lodi del duo narratore-autrice, Il lupo e i sette capretti rappresenta un’amatissima fiaba classica, in cui tutti gli elementi caratteristici del filone (inganno e astuzia, paura e redenzione, aiuto esterno e pericolo scampato) si combinano in un lungo balletto che vede l’ingegno sempre protagonista.

Una volta spogliata della sua specifica ambientazione, dell’elemento magico e delle caratteristiche dei personaggi, la fiaba classica non è altro che un gigantesco invito alla contro-manipolazione, da attuare nei confronti dei malvagi che vorrebbero irreterci e trasformarci in prede.

lupo sette capretti costa piumini

Tanto Cappuccetto Rosso, quanto Biancaneve o, appunto, Il lupo e i sette capretti partono infatti da una condizione di quiete e armonia e da una rottura, operata dai tentativi di manipolazione mentale operati dai “cattivi”, fino alla naturale conclusione, che prevede i malvagi giocati dai loro stessi inganni e dalla loro stessa volontà di irretire il prossimo con le loro scadenti tecniche mentali.

Leggere fiabe classiche ai bambini non aiuta i più piccoli solo a sviluppare la loro immaginazione, ma contribuisce in modo significativo alla genesi di quei meccanismi di difesa che aiuteranno i bimbi, nel corso della loro vita, a diffidare dai malintenzionati a sconfiggere i malvagi con le loro stesse odiose armi.

 

Il lupo e i sette capretti, storia di un pasto indigesto

Un bel giorno, Mamma Capra si reca nel bosco a raccogliere bacche e avverte i suoi sette capretti di stare molto attenti al lupo e ai possibili inganni che la fiera metterà in atto pur di farsi aprire al porta di casa e di papparsi i succulenti cuccioli.

Esattamente come la mamma aveva predetto, non appena il lupo si accorge che i sette teneri e indifesi capretti sono rimasti soli casa, tenta di farsi aprire la porta, spacciandosi per la loro madre, già di ritorno dall’escursione nel bosco.

Giovani e indifesi, ma per nulla stupidi, i capretti scoprono subito l’inganno, dato che il timbro della voce del lupo non ricorda affatto quello della loro mamma e che, dunque, non c’è ragione al mondo per aprire la porta al predatore.

Scoperto e smascherato, il lupo ci riprova poco dopo, a seguito dell’ingestione di creta e della conseguente trasformazione della voce, improvvisamente salita verso toni più acuti e suadenti.

lupo capretti costa

Tuttavia, anche questa volta, i capretti scoprono l’inganno, scorgendo una scura zampa del lupo attraverso la finestra e cacciando a male parole il malvagio animale.

Dopo aver obbligato un fornaio a schiarirgli la zampa incriminata con della farina, il lupo opera un terzo tentativo e, questa volta, riesce a farsi aprire dai capretti, ormai esasperati e preoccupati dalla prolungata assenza della mamma e più facili da ingannare.

Quando Mamma Capra torna a casa trova così la porta aperta e nessuna traccia dei suoi capretti, così capisce al volo che il lupo li ha mangiati e si mette alla ricerca della fiera.

Dopo aver trovato il lupo addormentato, a causa della scorpacciata, Mamma Capra recupera i piccoli, ingoiati ancora “interi” dal lupo e li sostituisce con sette pesantissimi massi.

Quando il lupo si sveglia dal suo pisolino, sente un’improvvisa sete, si china a bere al fiume, ma il peso dei sassi lo trascina verso il basso, facendolo scomparire per sempre.

 

Il lupo e i sette capretti, una fiaba sempre attuale

Adatta ad ogni fascia d’età, Il lupo e i sette capretti è una fiaba che non perde il suo smalto e la sua attualità al passare dei secoli, basando la sua architettura su caratteristiche umane immutabili e su una dicotomia tra “bene” e “male” che, per quanto semplificata, appartiene alla storia umana per intero.

il lupo e i sette capretti

Qualunque bambino, anche a distanza di secoli dalla prima ideazione della storia, potrà agevolmente ritrovare ne Il lupo e i sette capretti tutte quelle caratteristiche umane e pedagogiche che fungono da specchio e da guida per la sua esperienza nel mondo e che rendono eterna la fiaba classica.

Vivamente consigliata in questa specifica edizione, per via della sopracitata maestria di Roberto Piumini e di Nicoletta Costa, Il lupo e i sette capretti è una fiaba dal sapore magico, assolutamente da riscoprire e rileggere, anche in un’epoca storica che tende a dimenticare il passato e le meravigliose storie che hanno contribuito a creare la nostra civiltà.

- 15%
Il lupo e i sette capretti. Ediz. illustrata
  • Jacob Grimm, Wilhelm Grimm, Roberto Piumini
  • EL
  • Copertina flessibile: 26 pagine

Maestra Sara
Sono blogger e mamma di due splendidi bambini, ho deciso di aprire questo blog per cercare di dare risposta agli infiniti quesiti che attanagliano la mente di grandi e piccini fin dalla notte dei tempi.
Altri articoli che potrebbero interessarti
Cappuccetto Rosso
Cappuccetto Rosso di Bethan Woolvin, ma le fiabe sono davvero “sessiste”?
Il piccolo Principe
Il Piccolo Principe illustrato da Valeria Docampo